Serena Ammirati (Univ. Roma Tre)

Quale scrittura latina nel diritto bizantino? Ibridismi grafici e linguistici tra tarda antichità e alto medioevo

Numerosi manoscritti in lingua e scrittura greca variamente databili tra l’XI e il XV secolo recano testi di contenuto normativo e giurisprudenziale di ascendenza giustinianea; recensiti nel Repertorium der Handschriften des byzantinischen Rechts. Teil I: Die Handschriften des weltlichen Rechts (Nr. 1-327), hg. v. L. Burgmann, M. Th. Fögen, A. Schminck, D. Simon (= Forschungen zur Byzantinischen Rechtsgeschichte 20. Frankfurt am Main 1995), essi contengono parafrasi, manuali di diritto, raccolte di costituzioni, lessici e subsidia per lo studio e forse la pratica del diritto. A lungo considerati solo come fonti per il diritto romano, si rivelano di notevole interesse anche agli occhi del paleografo, che vi ritrova numerose attestazioni di lessico e scrittura latina, spesso in forme ibridate e corrotte, come giustamente rimarcato dagli ultimi editori della Parafrasi di Teofilo antecessore (J. H. A. Lokin, R. Meijering, B. H. Stolte, N. Van Der Wal, Theophili Antecessoris Paraphrasis Institutionum, Groningen 2010), p. XXV: “[…] the use of Latin letters for technical terms in Greek legal manuscripts and the taking over in Greek texts of the legal abbreviations used traditionally in legal treatises written in Latin, are of course interesting from a theoretical point of view, though perhaps more to students of palaeography than to legal historians”. Colpisce, nella pur ampia diacronia delle testimonianze esaminate, la sostanziale fissità delle forme grafiche latine attestate, che certamente doveva rimandare a modelli già plurilingui e plurigrafici di epoca tardoantica, fino ad oggi – credo – non giustamente valorizzati negli studi sulle interazioni grafiche tra greco e latino. La nuova documentazione latina, greca e latinogreca emersa negli ultimi anni delle mie ricerche condotte nell’ambito del progetto ERC REDHIS permette a mio parere di estendere le considerazioni possibili sui modelli della tradizione bizantina, recuperando modelli di scrittura latina antica e tardoantica diversi, più ampi e variegati, di quelli sino ad ora presi in considerazione.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search