Martina Pantarotto (Univ. eCampus, Novedrate)

La collezione di libri d’ore Trivulzio e le modalità di allestimento di codici italiani con decorazione fiamminga nelle botteghe milanesi di fine secolo

La piccola collezione di ricchi libri d’ore conservata nell’Archivio storico civico e Biblioteca Trivulziana di Milano, in buona parte allestita da don Carlo Trivulzio (1715-1789) con acquisti sul mercato del collezionismo, conserva un certo numero di codici che sono chiaramente riconducibili all’ambiente fiammingo dal punto di vista della decorazione: il Maestro delle ore di Dresda, la scuola di Willem Vrelant, le botteghe di Bruges e di Gand…. La puntuale analisi codicologica dei manoscritti e la ricostruzione della fascicolazione rende certi dell’aggiunta dei fogli miniati all’interno del corpo dei codici, secondo modalità note e anche altrove ricorrenti. Tuttavia in questo caso, la scrittura, la liturgia ambrosiana e le rubriche in volgare lombardo radicano profondamente la produzione di questi codici a maestranze locali, esprimendo un’interazione tra diverse tradizioni geografiche che merita di essere indagata: in altri codici l’interazione tra linguaggio figurativo – scrittura – testo si realizza con modalità più armoniche. Anche l’analisi dei fogli contenenti il calendario, anteposto agli uffici religiosi in questa tipologia testuale, offre ulteriori elementi di approfondimento in relazione alla effettiva contestualità grafica e compositiva rispetto al corpus del manoscritto. I manoscritti esaminati presentano varie declinazioni-realizzazioni dell’interazione tra tradizioni e modelli decorativi nord europei e tradizioni liturgiche locali. Il contributo si propone di analizzare le testimonianze di questa modalità di allestimento, con la finalità di rintracciare le tappe, i canali e i contatti culturali attraverso cui viaggiano non tanto i codici, dunque, ma i singoli fogli miniati, veri e propri album di illustrazioni da ricollegare alla produzione seriale dei libri d’ore fiamminghi, da un lato e dall’altro alla presenza a Milano di una solida tradizione di legami con l’arte fiamminga, profondamente radicata nei circoli culturali della nobiltà lombarda, il cui esito finale può essere colto nella presenza nella capitale lombarda di illustri e celebri stampatori fiamminghi, tra lo scorcio del Quattrocento e l’affacciarsi del Rinascimento.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search