Maria Cristina Rossi (Univ. Pisa)

Scritture di dotti nell’università del Duecento

Il presente contributo riguarda le cosiddette scritture da intellettuale. Come è noto, si tratta di scritture informali e spesso “personali” molto diffuse in ambienti diversi e a varie altezze cronologiche. Pur nella loro varietà, esse presentano caratteristiche costanti (seppur non sempre simultaneamente presenti) quali: ductus rapido e instabile, generalmente trascurato, oscillazioni nel modulo e nell’allineamento, semplificazione del disegno, presenza di legature, deformazione, disarticolazione. A causa della loro eterogeneità è difficile inquadrare queste espressioni di scrittura all’interno di classificazioni tipologiche, ma si fanno rientrare tutte senza distinzioni in una categoria tacitamente riconosciuta dai paleografi, quella appunto delle scholarly scripts. Eppure, l’introduzione di questa specifica classe di scritture è stata accettata senza che vi sia stato un vero dibattito o confronto all’interno della disciplina. Inoltre queste scritture, pur essendo molto diffuse, solo raramente e in casi particolari sono state studiate sulla base dei loro aspetti strutturali.

Partendo dall’esame di un caso specifico, sicuramente il più noto, la scrittura autografa di Tommaso d’Aquino, si cercherà di evidenziare le principali caratteristiche di queste scritture con riferimento a un ambito di produzione ben delimitato, quello universitario, e di collocarle nel vasto panorama delle scritture basso medievali. In molti casi, infatti, il modello morfologico di queste scritture non è immediatamente riconducibile a quello della textualis pur trovandosi nei libri. Può trattarsi addirittura di vere e proprie corsive, organizzate seguendo tecniche tipiche delle scritture documentarie.

Il tema mi pare adattarsi bene al tema del Convegno in quanto si intrecciano strettamente alcune delle prospettive suggerite:

  • In queste espressioni grafiche possono interagire diversi modelli: quello librario a cui l’occhio dello scrivente era abituato e quello “documentario” a cui sembra invece fare riferimento la cultura grafica dello scrivente;
  • Fattori materiali influenzano e determinano alcuni aspetti morfologici di tali espressioni grafiche, in quanto queste scritture sono usate per vergare esemplari di lavoro, spesso provvisori, non veri e propri libri;
  • Gli studiosi viaggiavano da un centro all’altro, spesso con i loro libri: questo fa sì, tra l’altro, che tali scritture siano spesso contaminate;
  • Altre tecniche di scrittura, come la scrittura su tavolette cerate o la scrittura a sgraffio su pergamena per mezzo di uno strumento appuntito, sembrano influenzare direttamente le caratteristiche morfologiche di tali scritture.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search