Federica D’Uonno (Univ. Roma La Sapienza)

Je suis venu ici en Romme…”. Scriventi francesi a Roma nel Cinquecento

Nella Francia del XVI secolo si assiste alla progressiva incursione, più o meno diretta, dei modelli grafici italiani, che si affiancano a quelli della tradizione gotica: un processo che si dipana attraverso i rapporti ricorrenti con l’Italia, stimolato dal successo dei manuali di calligrafia, e sostenuto da una fitta rete di relazioni diplomatiche e personali. Scambi che agivano in entrambe le direzioni: l’Italia, e nello specifico Roma, si configura infatti nel XVI secolo come un grande centro cosmopolita, in cui la formazione delle comunità nazionali aveva favorito il movimento di persone e il costituirsi di altrettante piccole realtà, ‘chiuse’ nella loro identità nazionale, ma pronte a recepire gli stimoli esterni. Una realtà, individuata nella comunità che ruota attorno alla chiesa di San Luigi dei Francesi, che si pone come avamposto per tutti i fenomeni di commistione tra i due filoni grafici che stavano avendo contemporaneamente luogo in patria.

In particolare, attraverso la serie delle giustificazioni dei conti, conservate a Roma presso l’Archivio dei Pieux Établissements de la France à Rome et à Lorette, è possibile seguire le tracce dei diversi personaggi che vivono e lavorano presso San Luigi: uomini della Curia, amministratori e professionisti, ma anche semplici lavoratori, artigiani, pellegrini e viaggiatori. I documenti testimoniano l’avvicendarsi di tutte queste figure, che scrivono e sottoscrivono di proprio pugno o che fanno scrivere ad altri: notai e procuratori redigono gli atti, sottoscritti alla presenza di testimoni da muratori e falegnami; pellegrini e bisognosi presentano la supplica per sostenere le spese di viaggio o per provvedere alle necessità del soggiorno; o ancora giovani ‘putti’ con i loro padri stipulano i contratti per entrare nella prestigiosa cappella musicale e ricevere un’istruzione di base. Un luogo in cui s’incontrano persone di diverse nazionalità, tra ‘forestieri’ e ‘stranieri’, dove la lingua francese, italiana e latina si alternano con estrema facilità, tanto nel parlato quanto nello scritto. Ognuna con la sua scrittura, che è espressione della propria provenienza, formazione e professione. Ed è sulle diverse espressioni grafiche degli scriventi francesi individuati in questo variopinto gruppo d’individui, che si concentrerà l’analisi paleografica e si cercheranno di delineare degli indirizzi comuni alla base delle diverse scelte grafiche. Infatti, i francesi che vivono o sono di passaggio a Roma portano con sé il loro ricco (e talvolta ingombrante) bagaglio grafico, ponendosi così in un rapporto di concorrenza e convivenza tra la scrittura ‘nazionale’ e la cancelleresca italica.

L’analisi punterà a indagare le modalità con cui i due filoni grafici interagiscono tra loro, concentrandosi su tipi e livelli di ricezione ed esecuzione, commistioni e influenze, che variano sia a seconda della funzione della scrittura, sia in base alla provenienza e al ceto sociale dello scrivente. L’obiettivo è restituire da un lato un quadro delle dinamiche di diffusione dell’italica e della sua graduale affermazione nella società francese, fino a imporsi anche nell’insegnamento elementare; dall’altro individuare nei tratti d’ibridazione i germi della formazione della scrittura francese nei secoli successivi, la financière o ronde del XVII secolo e poi la coulée del XVIII secolo.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search