Andrea Puglia (Univ. Pisa)

Scrivere documenti e scrivere libri nella Toscana occidentale tra XI e XII secolo

Il paper intende prendere in esame l’attività degli scribi che redigono carte (atti) di natura privata e pubblica tra XI e XII secolo nell’area compresa tra i comitatus di Pisa, Lucca e Volterra. Le tre città, infatti, nell’epoca considerata ebbero un notevole sviluppo sociale, istituzionale e politico e acquisirono una grande autonomia organizzativa.

Se da un lato l’attività dei notai (che contribuirono notevolmente allo sviluppo cittadino) è ben conosciuta (anche se non in tutte le sue forme), risulta particolarmente interessante studiare tutta quella parte di documentazione che è scritta da scribi senza particolari qualifiche, o con una qualifica differente da quella di notarius. A questo proposito le prime domande che si pongono sono le seguenti:

  1. Quale è la fisionomia culturale, politica e sociale degli scriptores di documenti?
  2. Quale contributo diedero allo sviluppo delle cancellerie vescovili e cittadine?
  3. Quale tipo di oggetti hanno prodotto, quali caratteri e funzioni hanno espresso i loro documenti, che funzione hanno?
  4. Come scrivono, quali sono i caratteri e gli esiti della loro scrittura?
  5. Che tipo di iter didattico e formativo seguirono? Questo iter è diverso o simile nelle diverse aree della Toscana occidentale?

Una volta risposto a queste domande, si può procedere all’analisi dell’interazione tra le diverse aree scrittorie e le interazioni e le analogie tra scrittura con funzione documentaria (in tutte le sue forme) e con funzione libraria.  Infatti, nelle tre aree oggetto della nostra ricerca, sono sopravvissuti, anche se non in maniera sistematica, molti manoscritti che in qualche modo possono essere avvicinati all’ambito scrittorio documentario sopra esaminato. Il confronto dei due campi grafici, documentario e librario, fornirà qualche strumento per rispondere alle seguenti domande, che costituiscono il cuore della nostra ricerca:

  1. Quali relazioni ci sono tra gli scribi di documenti e quelli che redigono i libri; come intersecano i diversi prodotti scrittori?
  2. In quale misura gli atti scritti da non notai sono vettori della pubblicità delle transazioni e peculiare espressione dei principali poteri della città? E quanta parte di questa autorità scrittoria è costruita dal fatto che gli scribi presentano la doppia funzione di scrittori di documenti e scrittori di libri?

La documentazione dei territori di Pisa, Lucca e Volterra, con i loro fornitissimi archivi, può contribuire a mettere in chiaro alcuni punti della storia della cultura scritta medievale italiana e delle pratiche della documentazione, troppo spesso incentrata solo sulla figura professionale del notaio. Infatti, il campo di indagine migliore, in questo ambito di studi, è costituito dalla documentazione pubblica e privata prodotta con forme grafiche librarie di stampo carolino (opposte alla scrittura minuscola diplomatica dei notai) che può essere messa in diretta relazione con la scrittura dei manoscritti.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search